menu

All posts in: Blog

emcc

Il mal di gambe fa bene ai giornalisti

Il GP di Monza, la fine della Vuelta, le super prestazioni degli azzurri di basket e pallavolo hanno oscurato la vera prestazione di ieri. Ovviamente scherzo e ringrazio tuttoBICI per questo articolo, Apt Servizi Emilia Romagna, Visit Romagna e gli organizzatori dell’Italian Bike Festival per avermi dato l’occasione di conoscere colleghi provenienti da tutta Europa con i quali provare quel mal di gambe che secondo me fa bene a chi racconta lo sport dei veri campioni.

Il week end appena passato ho festeggiato il mio compleanno mangiando piadine e crostacei a non finire, bevendo troppo e dormendo troppo poco, ma divertendomi un mondo in compagnia di amici speciali, fino a mettermi al collo una medaglia d’oro. O, meglio, portandomi a casa una coppetta che mi ha ricordato molto quelle che vengono consegnate alle gare dei giovanissimi, con le quali con mio fratello Alfredo ai tempi avevamo riempito casa.

Ho partecipato e (incredibilmente) vinto la prima edizione degli EMCC – European Cycling Media Contest, iniziativa che ha coinvolto 50 tra giornalisti, cycling blogger e influencer provenienti da 15 paesi europei in un fitto programma di appuntamenti. I titoli continentali dei giornalisti ciclisti sono stati assegnati durante La Gialla, la granfondo con partenza e arrivo al circuito Marco Simoncelli di Misano nella giornata conclusiva dell’IBF2022. Una prova impegnativa, resa ancora più difficile dalla grandine e dal violento acquazzone che tutti i partecipanti a La Gialla hanno dovuto affrontare.

Stanca e felice, ho un messaggio da mandare alla redazione di tuttoBICI: ragazze e ragazzi c’è da allenarsi per difendere il titolo continentale conquistato in questa prima edizione da ricordare e, perchè no?, puntare al mondiale.

Grazie Red Bull TV

Ieri abbiamo chiuso la stagione della Coppa del Mondo UCI di Mountain Bike su Red Bull TV con il sorriso, anche se nel raccontare la tappa conclusiva in Val di Sole ci stava per scappare la lacrimuccia (su www.redbull.com trovate il replay delle ultime gare, alla fine dell’XCO maschile è crollata pure quella leggenda di Rob Warner!).

Ci tengo a ringraziare Red Bull Italia (Ian, Veronica e tutti i ragazzi che negli anni ci hanno coordinato), il super team internazionale guidato da Christoph Tritscher e Christoph “Punzi” Punzengruber, grazie ai campioni della mtb per le emozioni che ci hanno fatto vivere, grazie a Marco Aurelio Fontana e Simone Lanza per essere stati due compagni di viaggio preziosi e premurosi davanti e dietro il microfono, infine grazie a tutte e tutti coloro che ci hanno ascoltato e tenuto compagnia durante le lunghe ore di telecronaca dal Brasile alla Germania, passando per Repubblica Ceca, Austria, Svizzera, Principato di Andorra, America e Canada fino al gran finale in casa nostra dello scorso week end.

Da uno studio di Milano abbiamo portato a termine un giro del mondo che custodirò per sempre con piacere e orgoglio. Anche se l’anno prossimo tante cose cambieranno (i diritti della World Cup passano fino al 2030 a Warner Bros Discovery) spero sia solo un arrivederci, a presto.

commentatrice eurosport mtb

La mia prima volta ad Eurosport

È stato davvero un privilegio raccontare il Campionato del Mondo di MTB di Les Gets 2022 per Eurosport in Italia.

Tra gare di short track, downhill e cross country sono stati tre giorni intensi, faticosi, bellissimi, ricchi di storie emozionanti e di super campioni che mi hanno fatto sgolare ma messo il sorriso sulla bocca.

Complimenti a chi torna a casa con una medaglia o la maglia più bella del mondo (grazie al principe azzurro Simone Avondetto che nel XCO Under 23 ci ha regalato una favola), a tutti gli altri: continuate a inseguire i vostri sogni. Dopo la tempesta, spunta sempre l’arcobaleno.

luca braidot lenzerheide

Luca Braidot ci ha fatto impazzire

Ieri è stato davvero un privilegio raccontare la vittoria di un italiano in Coppa del Mondo su Red Bull TV.

In Svizzera, nella tana di Nino Schurter, è risuonato l’inno di Mameli dopo un finale da cuori forti. Alla Mercedes-Benz UCI Mountain Bike World Cup 2022 di Lenzerheide l’Italia è tornata sul gradino più alto di una prova di Coppa del Mondo di MTB grazie all’impresa di Luca Braidot. Non accadeva da quattro anni che un azzurro trionfasse nel circuito internazionale più importante: l’ultimo successo risaliva a Vallnord 2018 quando la spuntò Gerhard Kerschbaumer, 9° a completare la festa dei Fratelli d’Italia.

Il 31enne friulano scattato dalla quinta posizione conquistata venerdì nello short track, è riuscito a restare agganciato al gruppetto dei migliori con gli svizzeri Filippo Colombo, Nino Schurter, Mathias Flückiger e il sudafricano Alan Hatherly. Quando poi Colombo, primo nell’XCC, ha perso terreno, gli altri due svizzeri, favoritissimi della vigilia, hanno cominciato ad attaccarsi, sorpassarsi e incalzarsi fino a quando… sono finiti per terra. Schurter ha tagliato il traguardo polemizzando con il rivale, Flückiger ha risposto che la corsa è corsa, fatto sta che entrambi hanno gettato al vento una grande occasione davanti ai loro tifosi e tra i due litiganti abbiamo goduto noi. Grandi applausi, quindi, al portacolori del Team Santa Cruz-FSA che ha vissuto la giornata più bella della sua carriera, facendo letteralmente impazzire di gioia la sottoscritta e Marco Aurelio Fontana.

Per rivedere l’impresa di Luca con il nostro commento corri su www.redbull.com.

Una buona notizia per il World Bicycle Day

Non c’è miglior mondo per festeggiare la Giornata Internazionale della Bicicletta, che condividere con voi una bellissima notizia: Alessandra Cappellotto, ex ciclista su strada e dirigente sportiva che si è prodigata per far arrivare in Italia alcune cicliste afgane in fuga dai talebani, è la vincitrice della quarta edizione del premio “Sport e diritti umani”, indetto nel 2019 da Amnesty International e Sport4Society per riconoscere azioni e gesti pubblici di solidarietà e d’impegno in favore dei diritti.

Ricordo benissimo le giornate e nottate di paura, stress, ansia, speranze, chiamate, messaggi e notizie che si rincorrevano tra Kabul e l’Italia che l’estate scorsa hanno permesso ad Alessandra, Anita Zanatta e al team di Road To Equality insieme ad altre ONG di portare in salvo alcune cicliste nel nostro Paese. E, avendo dato un piccolissimo contributo, alla causa come addetta stampa del CPA Women di cui Alessandra è la general manager sono felice e orgogliosa che queste super donne abbiano ricevuto questo meritato riconoscimento.

“Abbiamo deciso di premiare Alessandra Cappellotto per il suo impegno in favore del ciclismo femminile e della sua promozione anche sulle strade più impervie, dal Ruanda all’Afghanistan. Grazie al suo lavoro molte cicliste hanno potuto assecondare la loro passione, trovando in Italia attenzione umana e tecnica. La sua ‘Road to equality’ ha attraversato, superandoli, i confini della discriminazione. Una campionessa del mondo in bicicletta e nella difesa dei diritti umani” ha dichiarato il presidente della giuria Riccardo Cucchi.

“Quando ho ricevuto la telefonata del presidente della giuria sono rimasta senza parole, letteralmente. Facevo perfino fatica a capire cosa mi stesse dicendo e mi chiedevo, anzi ho chiesto, se la giuria era proprio sicura di volere premiare me, è stata la telefonata più incredibile mai ricevuta in vita mia. Sono onorata, felice e grata” ha detto Alessandra Cappellotto.

Nelle precedenti edizioni erano stati premiati il cestista Pietro Aradori (2019), il Pescara Calcio (2020) e l’ex calciatore Claudio Marchisio (2021), in quest’ultimo caso con menzioni alla pallavolista Lara Lugli e allo Zebre Rugby Club. A loro da oggi si aggiunge un’altra campionessa dal cuore d’oro. Quanto ne abbiamo bisogno di questi tempi…

Pokerissimo di cover story

Buon 1° maggio a tutti e buon 60° compleanno al “mio” diretur Pier Augusto Stagi. Oggi è la festa dei lavoratori e io celebro, nel mio piccolo, un bel traguardo. Quest’anno ho firmato tutte e 5 le storie di copertina di tuttoBICI pubblicate finora.

A gennaio 2022 è finita in prima pagina la mia intervista a Vincenzo Nibali, a febbraio quella a Elia Viviani, a marzo Sonny Colbrelli (di cui sogno di scrivere presto buone notizie), ad aprile la campionessa del mondo Elisa Balsamo e questo mese la regina della Parigi-Roubaix Elisa Longo Borghini, che celebriamo insieme a Marta Cavalli, vincitrice di Amstel Gold Race e Fraccia Vallone.

Tra pochi giorni scatta il Giro d’Italia, ma non solo. Il calendario del grande ciclismo è ricchissimo. Per quanto mi riguarda, oltre a qualche comparsata alla corsa rosa, mi ritroverete in telecronaca su Red Bull TV per la Coppa del mondo di MTB che fa tappa ad Albstadt, in Germania il 6-8 maggio e a Nove Mesto Na Morave, in Repubblica Ceca, il fine settimana successivo. Ci sarete?

con il cuore nel fango sonny colbrelli

Con il cuore nel fango

Per tuttobiciweb.it ho recensito il libro di Sonny Colbrelli “Con il cuore nel fango” che ho letto tutto d’un fiato e vi consiglio.

È stato scritto prima che il suo cuore facesse le bizze, ma quando con la sua impresa aveva già colmato il nostro di gioia. È stato scritto quando pensava che alla Roubaix 2022 sarebbe partito con il dorsale numero 1, invece mettendo all’asta il casco che non ha potuto indossare in gara ha vinto un’altra volta.

Con il cuore nel fango ha iniziato a prendere forma nel novembre 2021 quando Sonny Colbrelli ha aperto le porte di casa al nostro Marco Pastonesi, che con la sua sapiente penna ha messo nero su bianco racconti, confidenze, sogni di un bambino sovrappeso e occhialuto che ha saputo diventare campione. Asino a scuola e maialetto in bici, si è riscattato con la bandana in testa che all’epoca portavano tanti bambini che guardavano le imprese di Pantani alla tv. Ha provato la durezza del lavoro in fabbrica, le prese in giro per i chili di troppo, senza mai tradire la sua passione e gli insegnamenti di nonno Cesarino. «Si perde dopo la linea, ripeteva, non prima della linea. Voleva dire: ci si arrende dopo la linea, non prima. Voleva dire: pedala fino all’ultimo, pedala finché non è finita, pedala. Una regola che vale nel ciclismo, ma anche nella vita. Pedalare. Darci dentro».

In Con il cuore nel fango c’è tutto Sonny e anche di più. Dai sacrifici dei genitori all’unico professore che abbia mai creduto in lui; dalle amicizie e gli sfottò con i colleghi (Bettiol, Mohoric e Trentin su tutti) all’incontro con la donna della sua vita, Adelina; il ricordo di Michele Scarponi e Nicolas Bonomi, le strigliate dello zio Bruno Reverberi, il pugno rimediato al Giro di Padania, vittorie, sconfitte, nuovi traguardi da inseguire. Sopra ogni cosa l’amore per le due ruote. «La bici è libertà. Sali sulla bici, cominci a pedalare e – sarà l’aria che tira, sarà il vento in faccia, sarà il frullare delle gambe – a me sembra di tornare quando ero bambino, e con la bici ogni giorno allungavo i confini del mio mondo, allargavo le conoscenze della mia terra, e mi sentivo un po’ più grande, un po’ più sicuro, un po’ più avventuroso, un po’ più contento. La bici è libertà anche dai pensieri, dalle preoccupazioni, dai problemi, tutto mi sembra più leggero, più rotondo, più facile. La bici non è solo libertà: è anche disciplina. Disciplina, ordine, regola. A me ha inquadrato la vita».

La storia di Sonny, la prima parte, è racchiusa in 165 pagine divertenti, affettuose, emozionanti che ho letto tutto d’un fiato in un pomeriggio di pioggia, ritrovando il ragazzino con cui ho corso al Team Valle Sabbia una vita fa e scoprendo l’uomo, sconosciuto al grande pubblico che lo ha scoperto grazie al trionfo alla Parigi-Roubaix di un anno fa. «La corsa più bella del mondo» di cui racconta ogni istante, con aneddoti imperdibili, scanditi dalle parole del suo pezzo preferito, The Final Countdown degli Europe.

Il sottotitolo del libro edito da Rizzoli Lizard recita “l’epica del ciclismo nella storia del Cobra” e racchiude perfettamente una storia individuale unica e affascinante, con quella della regina delle classiche e di uno sport che più di ogni altro dall’inferno può catapultarti in paradiso e viceversa, come Sonny sa benissimo. Mai avrebbe immaginato che la sua carriera gli avrebbe riservato la pagina che sta vivendo ora, ma lo spirito con cui sta affrontando anche questo durissimo capitolo lo si ritrova nelle sue stesse parole. «Non cambierei la bici per nessun altro lavoro. Correre in bici è il lavoro più bello che ci sia. E ogni giorno me lo ripeto: la carriera di un corridore, quando va bene, quando si è anche fortunati, dura dieci anni, anche quindici, e allora bisogna vivere questi dieci-quindici anni senza sconti, senza scorciatoie, senza rimpianti. Ma dedicandosi alla vita del corridore con tutto il cuore. […] È un’opportunità da sfruttare, da godere. Bisogna saper trovare il giusto equilibrio. Ci saranno alti e bassi, inevitabilmente, ma non bisogna abbattersi nei bassi ed esaltarsi negli alti, bisogna saper reagire soprattutto alle avversità. La ruota girerà, prima o poi, nel verso giusto. Siamo tutti artefici del nostro destino, e anche della nostra fortuna. Volere è potere. E se il risultato non viene, se la vittoria non arriva, ci sarà sempre qualche altro premio, al momento invisibile, ma in futuro più chiaro».

cover-decalogo-accpi-sicurezza-800

Per i più piccoli

Nel giorno in cui l’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani e tutti gli appassionati di sport ricordano Silvia Piccini e Michele Scarponi, ACCPI ha presentato il decalogo per la sicurezza stradale dedicato ai più piccoli che porteremo nelle scuole d’Italia.

Potete scaricarlo gratuitamente dal sito www.accpi.it. Il mio invito è di condividerlo con i vostri figli, nipoti, allievi, amici perchè dal dolore provato per ogni vittima della strada nasca un futuro migliore in cui nessuno debba più morire mentre pedala.

Ciao Michele. Ciao Silvia. Mi mancate.

giulia de maio, marco aurelio fontana

Commenterò la Coppa del Mondo

Sono felice di annunciare che quest’anno commenterò l’intera Coppa del Mondo di Mountain Bike 2022 per Red Bull TV, Dopo i test di un anno fa, per la stagione che scatterà domenica prossima da Lourdes sarò la voce del cross country olimpico insieme a Marco Aurelio Fontana.

Inutile dirvi quanto sono gasata e contenta, quanto mi sto preparando per farmi trovare pronta per la prima tappa dedicata al XC (Petropolis, 10 aprile), quanto non veda l’ora di ritrovarmi con il microfono davanti e il Prorider al fianco per raccontarvi il meglio della mtb mondiale.

Qui sotto vi riporto il programma così che non vi perdiate nessuna data. A prestissimo

Calendario della Coppa del Mondo UCI 2022

Ernesto Colnago

Buon compleanno maestro

Oggi per tuttobiciweb.it ho partecipato a una festa di compleanno speciale, quella del maestro Ernesto Colnago. Ecco il mio articolo a lui dedicato.

Professori e studenti, campioni e ministri, imprenditori e giornalisti, dottori e appassionati, tutti riconoscenti e ammirati. Giuseppe Saronni, Gianni Bugno, Gianni Motta, Fabio Capello, Beppe Marotta, Norma Gimondi, Marino Vigna, Michele Dancelli, Davide Boifava, Mauro Vegni, Stefano Allocchio, Renato Di Rocco, Giovanni Mantovani, Dino Zandegù, Alfredo Bonariva e Cordiano Dagnoni sono solo alcune delle 400 persone che oggi hanno festeggiato Ernesto Colnago all’Università Bocconi di Milano. Il maestro della bicicletta oggi ha compiuto 90 anni, portati splendidamente, ed è salito in cattedra con la sua licenza elementare e una laurea guadagnata sulle strade del mondo nell’Arena del Bocconi Sport Center.

A dare il benvenuto ai presenti il rettore Gianmario Verona che ha colto la fortunata intuizione di Marco Pastonesi: «Colnago è un grande innovatore. Tecnologia e sport per un’università di scienze sociali come la nostra sono dei capisaldi, averlo tra noi nell’anno in cui abbiamo inaugurato il nostro sport center è un privilegio che non potevamo lasciarci sfuggire».

A spiegare la particolare location per questo compleanno speciale il docente Tito Boeri, ciclista praticante: «In sala sono presenti i miei studenti di Economia del lavoro e risorse umane perchè abbiamo tanto da imparare dalla storia di Ernesto: cogliere l’attimo, come fece quando sistemò la bici di Fiorenzo Magni, che rappresentò la svolta della sua vita; fare squadra; imparare facendo e con passione, perchè se ti piace quello che fai riesci a sacrificarti molto di più. Queste sono lezioni che si imparano solo con l’esperienza. Oggi voglio ricordare gli auguri che gli fece un altro grande imprenditore, Giorgio Squinzi, che in un biglietto anni fa scrisse: “Buon compleanno Ernesto, complimenti per l’esperienza”».

Da remoto è intervenuto il ministro per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao, anche lui ciclista appassionato: «Sono legato ad Ernesto dalle 3 biciclette che ho e adoro, oltre che da un’ammirazione smisurata. In lui vivono due persone: l’artigiano in grado di unire il bello all’utile, ma anche il fanciullo entusiasta. Riesce a passare da una spiegazione super tecnica a un racconto eroico, sempre con gli occhi che gli si illuminano. Si cambia con pazienza e determinazione. La bici insegna a gestirti, a non mollare mai e succede spesso che il tutto accada in armonia con le persone con cui ti trovi. A me serve per staccare, pedalare è un’attività quasi fisiologica, che mi fa stare bene. “Perchè no?” dovremmo dircelo sempre, sia come individui che come società. Spesso ci limitiamo, Ernesto ci insegna a non porci freni. Auguri Ernesto, la prossima bici me la darai tu quando festeggerai i 100 anni».

Non è mancato il messaggio dell’ex presidente del Consiglio Romano Prodi di cui è nota la frase “in bicicletta si sale con i problemi, si scende con le soluzioni”: «Mi fa piacere festeggiare Ernesto per i suoi primi 90 anni. In lui c’è un artista e un artigiano, ha fatto del suo mestiere qualcosa di unico al mondo, restando fedele al suo paese, restando sempre a Cambiago. Gli auguro di continuare a vedere la sua impresa che cresce, i suoi campioni che vincono, i suoi collaboratori che gli stanno vicino».

Luca di Montezemolo scherzando ha detto che Ernesto ci ha “fregati” tutti: «Ne festeggia 80, altro che 90 (ride, ndr). Ricordo quando negli anni Ottanta si presentò da Enzo Ferrari e dalle loro intuizioni nacque il primo telaio in carbonio, la prima forcella dritta e tanto altro. Due cose avevano in comune: una grande passione e una straordinaria determinazione. Nel DNA di Ernesto c’è l’innovazione, rappresenta l’imprenditore che si è fatto da sé, vincendo tantissime gare, da Merckx a Pogacar, e ha determinato la cronologia della bicicletta. Ha affermato un nome nel mondo».

Parola quindi a Giuseppe Saronni, tra i suoi corridori quello che più si è avvicinato a un figlio, che si commuove snocciolando un aneddoto dopo l’altro: «Ernesto mi ha insegnato tantissimo, su tutto che la stretta di mano vale più di un contratto, che ogni promessa è debito, che la famiglia è sacra. La prima volta che l’ho visto avevo 17 anni, ero dilettante, il fratello Paolino mi prese le misure, dal suo ufficio e dai suoi suggerimenti rimasi incantato. Ernesto per me non è solo il costruttore di biciclette che ha reso la bici quello che è oggi ma è un papà, un amico, un consigliere».

Dopo l’augurio della sindaca di Cambiago Maria Grazia Mangiagalli, il “Cellini della bicicletta”, come lo aveva definito Gianni Brera, ha risposto alle domande del direttore di tuttoBICI Pier Augusto Stagi e del vicedirettore de La Gazzetta dello Sport e direttore di Sportweek Pier Bergonzi. Tanti i ricordi di una vita che scorrono uno dopo l’altro e riassumiamo in poche parole. Semplici ma efficaci come è Ernesto Colnago, da 90 anni a questa parte: «Non c’era miglior posto della casa del Bocconi Sport Team per celebrare la mia storia. Sono figlio di contadini e me ne vanto, oggi mi definite “magnifico” come un rettore d’università e io mi commuovo. Ho passato la vita a costruire biciclette, è l’unica cosa che so fare. La storia non si compra, si fa, con amore».

Buon compleanno Ernesto e grazie di cuore da tutto il mondo della bicicletta.

foto Carlo Monguzzi